Tredici – Jay Asher-

Dovremmo pensarci.

Dovremmo pensarci almeno centomila volte prima di aprire la bocca e spargere cattiveria. Dovremmo Pensarci prima di giudicare, ferire, ingiuriare. Dovremmo pensarci prima che sia troppo tardi, prima di aver lasciato un segno indelebile o una profonda ferita su qualcuno.

Hannah Baker è un’adolescente che ha deciso di togliersi la vita ma crede che non sia giusto scomparire così, senza lasciare nulla alle trecidi persone che l’hanno spinta al suicidio. Inizia per questo a registrare tredici cassette per spiegare ai suoi assassini perchè li considera tali.

Questo romanzo per Y.A. scritto nel 2007 da Jay Asher ti fa gelare le vene, ti fa arrabbiare, ti toglie il respiro.  Chi lo legge non può non sentirsi in colpa rispecchiandosi in qualche atteggiamento di almeno uno dei tredici assassini di Hannah e si rende conto che a volte, anche solo una singola parola può ferire più di uno schiaffo. Come dice Hannah a volte è troppo tardi per agire, per porgere una mano, è troppo tardi per aprire gli occhi e provare compassione.

Meglio fermarsi prima. Meglio non iniziare affatto.

Reby.

 

Annunci